I nostri host


I nostri host

Nelle esperienze che troverete ed effettuerete attraverso VerOOna, il valore aggiunto saranno gli host, che potranno essere i padroni di casa che vi accoglieranno a casa loro o nella propria azienda, gli chef che vi prenderanno per mano per accompagnarvi nella tradizione culinaria del nostro territorio o le guide ed i tutor che, con passione e calore, vi fisseranno nella memoria emozioni indelebili.





Chef Trois

Chef Trois

Chef professionista formatosi alla corte di Gualtiero Marchesi, Nicola Trois è un personaggio eclettico e carismatico. Dopo aver maturato esperienze importanti nel settore dell’alta ristorazione sia in Italia che all’estero (come assistente di Dario Cecchini, il macellaio più famoso del mondo e come insegnante alla Scuola del Gambero Rosso, per citarne solo alcune), Nicola torna nella sua amata città d’origine dove conduce con successo una trasmissione di cucina su una rete televisiva locale.
Da sempre amante del buon cibo, Nicola ha ereditato la passione per l’arte culinaria dalla mamma e dalla nonna e ricorda con commozione i profumi che invadevano la sua casa di bambino la domenica mattina, quando l’aroma del caffellatte si mescolava con quello del ragù che bolliva sui fornelli già da diverse ore.

È per ricreare quella stessa atmosfera di calore e intimità che Nicola ha scelto di aprire le porte della cucina di casa sua per svelare a chi condivide la sua stessa passione i segreti della tradizione gastronomica veronese.

Carlo Nerozzi

Carlo Nerozzi

“Io sono architetto di formazione, creativo di carattere e contadino per necessità. Il vino per me è un “media” un mezzo espressivo che facilita la mediazione culturale, l’incontro e lo scambio di saperi tra le persone.

Da oltre trent’anni mi confronto con questo mestiere, aiutato anche dall’amico Federico Giotto, un giovane agronomo ed enologo che da quindici anni mi aiuta ad esprimere, con maggiore rigore e perizia tecnica, il mio stile nel fare vino.

Amo i vini eleganti, interessanti, che esprimono profondità senza irruenza, che sanno evolversi nel tempo amplificando ciò che all’inizio è solo percepito. Amo la mineralità, i colori trasparenti e caldi, i profumi sottili e seducenti. Questo è ciò che cerco di esprimere con i miei vini.”